Archivio

Posts Tagged ‘Portogruaro’

Ipotesi di manovra.

21 ottobre 2016 6 commenti

manovra-in-parcheggio

Come sapete sono un animale abitudinario. Le mie giornate sono costellate di piccoli rituali, che si ripetono uguali a loro stessi, con il minimo di variazione necessaria per rientrare nel regno animale piuttosto che in quello vegetale.

Quando salgo in macchina, per esempio, sfilo la gaccia, la metto sul sedile posteriore, tolgo i cellulari dalla tasca, li metto sul cruscotto, mi siedo, mi aggiusto sul sedile, sposto i cellulari dal cruscotto ai portabicchieri, metto la cintura… e sono pronto ad avviare il motore. Non è un affare di una mezz’ora, ma tra una cosa e l’altra può passare un minuto, che detta così pare poca cosa, ma provate a stare in auto per un minuto in attesa che quello davanti a voi liberi il un parcheggio… siamo al limite della crisi di nervi. Così, quando i posti scarseggiano, salto alcuni passaggi della mia amatissima procedura in favore di un bene più grande. Praticamente merito un Oscar al senso civico.

Giovedì scorso, o ieri come ad alcuni piace chiamarlo, dopo aver bighellonato al mercato di Portogruaro mi sono messo sulla via di casa. Avevo poca fretta e parecchie scartoffie a cui volevo dare uno sguardo, così ho meditato di sedermi in auto, cercare quello che mi interessava, trascriverlo nel blocco degli appunti e poi partire. Il piazzale era pieno e c’erano alcune auto che ci si aggiravano alla ricerca di un pertugio in cui infilarsi. Colto da un rigurgito di cortesia ho rivisto i miei programmi: prendere auto, sposarmi in un altro piazzale, leggere/trovare/trascrivere e poi tornare verso casa.

Non avevo ancora aperto lo sportello e già c’era un pretendente, con tanto di freccia lampeggiante. A riconfermare il mio odore di santità, ho messo da parte il mio rito d’ingresso e nel giro di dieci secondi ero pronto a partire.
Comincio la retro… l’autista in attesa è venuto troppo avanti.
Poco male, mi muovo lentamente così avrà il tempo di lasciarmi spazio… immobile.
Lui dietro, lo spigolo di un’altra auto in sosta davanti, per uscire dovrei fare ventontanta manovre. Aspetto, capirà… immobile.
Conto fino a dieci… immobile.
Torno in avanti, mi riparcheggio, spengo l’auto e pesco le mie scartoffie. Viene avanti, abbassa il finestrino.

– Eì.
‘Eì lo dirai al tuo scarafaggio domestico, bifolco maleducato.’ Abbasso il finestrino, sorrido.
* Sì?
– Non vai via?
* Ci ho provato, ma ho incontrato un oggetto inamovibile e non volevo correre il rischio di generare un paradosso logico ricorrendo a una forza inarrestabile.
– Eh?
* No, non vado via.

E’ andato via lui, esprimendo la sua opinione riguardo alle mie scarse doti mentali e al mio errato atteggiamento nei riguardi del vivere civile… sì, insomma, mi sono beccato dell’idiota e dello stronzo. Dietro c’era un’altra auto, ho poggiato le carte e acceso il motore, si è fermata lasciandomi ampio spazio di manovra. Io sono tornato verso casa e lui a parcheggiato.

Stay Tuned.

Annunci

Aggiornamento: Libri in Viaggio.

aggiornamento

Il primo libro ha spiccato il volo.
Vedere per credere.

Stay Tuned.

 

Il lato oscuro della medicina.

10 ottobre 2016 2 commenti

medicinali

La biblioteca di Portogruare apre alle nove, io arrivo qualche minuto prima e spesso non sono il solo a gravitare nei pressi del portone, in attesa. Questa mattina eravamo in quattro: io, Englishman, ScommessaSicura e un ignoto. Essi parlavano, io udii…

SS – […] così mio cognato è andato dal medico per l’ernia e quello l’ha riabilitato.

I – Ed è ancora vivo? No, perché giù per una cosa del genere…

SS – Questi sono quelli che vengono da fuori… che non sanno. Quello era andato per prendere di più e invece adesso non prende neanche i quattrocinquecento euro di pensione di invalidità di prima.

Da lontano una voce si sovrappone alle loro… ed eccomi catapultato ai confini della realtà.

ai-confini-della-realta-twilightzone

Un luogo dove il compito dei medici non è curare, ma garantire un livello di malessere tale da permettere di rientrare nella felice categoria degli invalidi… o mentire quel tanto che basta per ottenere il medesimo risultato.

Stay Tuned.

Troll di prato.

12 settembre 2016 Lascia un commento

babytroll

Pocanzi mi dedicavo alle meraviglie di quel rito antico ma sempre attuale che prende il nome di colazione. Sorseggiavo il mio latte macchiato quando… squeeksqueeksqueek.
Una famigliola lungo il marciapiedi. Lui e lei, ragguardevolmente tatuati e il pargoletto con delle ciabattine antifurto che scricchiolavano ad ogni passo.

Entrano nella veranda, scelgono un tavolo e prendono posto.
Il pupo, due anni circa, scruta i genitori e quando è certo che siano seduti si sposta sul tavolo accanto. La madre lo chiama e lui si guarda intorno, indifferente, con le gambette che ciondolano. La madre va a prenderlo e lui si lascia portare a peso morto, imbronciato e con le braccia incrociate.

Ordinano. Attende.
Vengono serviti. Attende.
Prendono il primo sorso. squeeksqueek squeek. Scende dalla sedia e si muove di qualche passo intorno al tavolo.
La madre lo osserva. squeek. squeeksqueek squeek. Gironzola tra un genitore e l’altro.
La madre si distrae. squeeksqueek squeeksqueequeequeequeek. Prende la fuga.

Viene recuperato e rimesso a sedere. Se solo avesse palla e guantone sarebbe una buona approssimazione di Steve Mcqueen, battuto ma non sconfitto.

Dopo il caffè la madre si allontana. E’ l’ora della sigaretta e ha la cortesia di non fumare tra gli altri avventori, oltre all’accortezza di non dividere il tabagismo con il bimbo.
Accende la sigaretta, prende un tiro. squeequeequeequeek. La raggiunge al trotto, colto da un’improvviso slancio d’affetto e si protende per essere preso in braccio. Con incredibile tempismo si è ricordato che lo spietato carceriere è anche sua madre.

Perché non tutti i troll vivono nella rete.

Stay Tuned.

Di urgenze impellenti e sviste pericolose.

26 maggio 2016 12 commenti

Toilette.jpg

Qualche giorno fa scrivevo:

Non potremo dirci una ‪#‎SocietàCivile‬ fino a quando non verrà istituità la ‪#‎PenaDiMorte‬ per chi non usa lo sciacquone.

Questa mattina andavo di fretta.
Trovare il bagno dei maschi occupato mi ha messo di fronte alla scelta tra usare quello delle femmine o usare quello delle femmine.
Mentre sperimentavo la trascendenza spirituale della minzione a lungo attesa ho sentito lo schiocco della serratura e l’aprirsi della porta accanto. Quello che non avevo sentito era il suono dello sciacquone. Mi sono sentito in dovere di dire la mia.

– Ha dimenticato di tirare l’acqua.
* Non rompere, stronza.

Mi sono irritato? No di certo, nulla poteva intaccare la mia pace interiore.
Ho pigiato il tasto dello sciacquone, aperto la porta e mi sono affacciato sul ragazzino che stava per uscire dall’antibagno.

Kishin.jpg

[immagine di DemonMew]

– Senti merdina, visto che adesso in quel cesso ti ci affogo, fossi in te l’acqua la tirerei.

Incredibile a dirsi, ma la sorpresa di una donna barbuta e visibilmente più grossa di lui lo ha portato a più miti consigli.

Stay Tuned.

 

13 & 17

10 dicembre 2015 3 commenti

Siamo abituati a considerare il 13 e il 17 come forieri di sfortuna e basta una semplice ricerca su google per scoprire molte diverse interpretazioni del loro significato e del motivo per cui si siano fatti questa nomea, ma cosa dire di quello che sta nel mezzo?

Già, ma cosa c’è tra il 13 e il 17?
Qualsiasi studente liceale sa – o dovrebbe sapere – che la risposta varia a seconda dell’insieme numerico preso in esame. Se si parla di Numeri Naturali (o quelli Interi) ci saranno il 14, 15 e 16; se invece consideriamo Numeri Razionali, Irrazionali o Reali, la faccenda si complica e i numeri compresi diventano infiniti.

Per quel che mi riguarda entrambe le risposte sono sbagliate. Tra il 13 e il 17 c’è solo il nulla. Tra le tredici e le diciassette, tutto quello che si può trovare sono:

uffucichiuso

Nella pausa pranzo ho trovato un gatto.
Un gatto palesemente domestico, con tanto di collarino e campanello – ma senza nomi o numeri di telefono – che mi è zompato in braccio, tra fusa e festeggiamenti.

Ho provato a chiedere nelle case vicine, ho trovato alcune persone che hanno diffuso la richiesta nei locali dei dintorni, ma nessuno lo aveva mai visto e così, tra google e telefono mi sono messo alla ricerca di qualcuno che potesse occuparsene fino a quando il proprietario si fosse fatto vivo.

Ho passato due ore e mezza tra segreterie telefoniche, numeri inesistenti e chiacchierate infruttuose con persone più o meno gentili per arrivare alle conclusione che dalle 13:00 – orario di chiusura dell’ufficio del chisseloricorda – fino alle 17:00 – orario di inizio della reperibilità del Distretto Veterinario – se hai trovato un gatto a Portogruaro o dintorni… beh, sono cazzi tuoi.

Tra poco dovrebbero chiamarmi e se non lo faranno proverò a richiamare io… nel mentre sarò grato a chiunque sappia darmi qualche informazione riguardo a sifatta bestiUola.

20151210_143356.jpg

Gironzola in Piazza Ippolito Nievo, in quel di Portogruaro, o almeno si trovava lì quando la fine di batterie, credito e traffico dati mi ha fatto tornare in biblioteca.

Stay Tuned.

Tutteologi.

3 dicembre 2015 1 commento

MercatoPortogruaro

A Portrogruaro il giovedì è giorno di mercato.
Questo significa dover parcheggiare un po’ più lontano, essere circondato dalle bancarelle e – ovviamente – immerso in un fottio di persone.
Il tutto è di poco disturbo fino al momento in cui non arriva il momento di fare colazione, perché il locale è affollato quanto la strada e capita spesso che il MIO posto sia già occupato. Niente panico, posso sopravvivere a qualche variazione delle mie prassi, posso sedermi da qualche altra parte e… poffare, duecentoquarantasei stuzzicadenti!
Il problema è che sono al centro della sala, molto distante dalla quiete del MIO angolino e al centro del fitto chiacchiericcio di un sacco di persone. Faccio appena in tempo a chiedermi se i miei boxer vengano da K-Mart ed ecco che arriva la prima bordata delle micidiali chiacchiere da bar!

chiacchieredabar

* La chiesa, i soldi… dio – animale a caso.
– Donazioni, i parroci… animale a caso – dio…i finanziamenti.
° Qualunquismo… madonna – antico mestiere un tempo deprecato, oggi rivalutato e parte integrante di ogni livello della nostra società… UrcaUrcaTirulero.

Il loro blablare è così contorto e confuso che non riesco nemmeno a comprendere se siano favorevoli e contrari a ciò che dicono del binomio chiesa-denaro. Tutto sommato credo che non sia rilevante, perché in ogni basta la forma per dargli torto.
Se sono credenti che sostengono la chiesa, come conciliano fede e bestemmia?
Se non sono credenti, perché non coinvolgono anche unicorni e puffi nelle loro imprecazioni?
Se sono Drac, sono davvero certi che Mickey Mouse sia uno stupido?

Stay Tuned.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: