Archivio

Archive for settembre 2016

Un gioco da ragazzi.

26 settembre 2016 Lascia un commento

fine

E che ci voleva?
Qualche anno e un milionecentrotrntamilaottocentonovantuno battute.
Quelle definitive, perché prima erano molte, molte di più.
Ora me ne vado a letto, domani mi inventerò un modo acconcio per festeggiare l’evento.

Stay Tuned.

Permesso, scusate… ho fretta.

23 settembre 2016 Lascia un commento

Devo accaparrarmi questo genio della pubblicità prima che la Coca-Cola me lo freghi.

Sta Tuned.

Troll di prato.

12 settembre 2016 Lascia un commento

babytroll

Pocanzi mi dedicavo alle meraviglie di quel rito antico ma sempre attuale che prende il nome di colazione. Sorseggiavo il mio latte macchiato quando… squeeksqueeksqueek.
Una famigliola lungo il marciapiedi. Lui e lei, ragguardevolmente tatuati e il pargoletto con delle ciabattine antifurto che scricchiolavano ad ogni passo.

Entrano nella veranda, scelgono un tavolo e prendono posto.
Il pupo, due anni circa, scruta i genitori e quando è certo che siano seduti si sposta sul tavolo accanto. La madre lo chiama e lui si guarda intorno, indifferente, con le gambette che ciondolano. La madre va a prenderlo e lui si lascia portare a peso morto, imbronciato e con le braccia incrociate.

Ordinano. Attende.
Vengono serviti. Attende.
Prendono il primo sorso. squeeksqueek squeek. Scende dalla sedia e si muove di qualche passo intorno al tavolo.
La madre lo osserva. squeek. squeeksqueek squeek. Gironzola tra un genitore e l’altro.
La madre si distrae. squeeksqueek squeeksqueequeequeequeek. Prende la fuga.

Viene recuperato e rimesso a sedere. Se solo avesse palla e guantone sarebbe una buona approssimazione di Steve Mcqueen, battuto ma non sconfitto.

Dopo il caffè la madre si allontana. E’ l’ora della sigaretta e ha la cortesia di non fumare tra gli altri avventori, oltre all’accortezza di non dividere il tabagismo con il bimbo.
Accende la sigaretta, prende un tiro. squeequeequeequeek. La raggiunge al trotto, colto da un’improvviso slancio d’affetto e si protende per essere preso in braccio. Con incredibile tempismo si è ricordato che lo spietato carceriere è anche sua madre.

Perché non tutti i troll vivono nella rete.

Stay Tuned.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: