Archive

Archive for dicembre 2015

Di anno in anni…

Perché la prima volta è un caso, la seconda un’abitudine, ma alla terza diventa tradizione.

Buon Natale
[Fonte: Twitter – Tweet di @kikka75f]

E per rimanere fedele alla mia recente vocazione messiatica, senza alcuna maggiorazione di costi, aggiungo anche un pensiero di gran spessore filosofico e non trascurabile eleganza poetica:

La magia delle feste sta nel silenzio della mattina di natale.
Tutto il resto è fuffa.

Stay Tuned.

 

 

La Cattiveria del Giorno: “Pubblicità.”

14 dicembre 2015 2 commenti

La Cattiveria del Giorno

Partendo dall’assioma: “Internet serve per il porno” si può estendere il concetto e stabilire che i social network servono a cercare possibili prede da concupire.

Fedeli al loro ruolo, gli uomini fanno la loro parte appiccicandosi a ogni profilo femminile e facendo del loro meglio per apparire brillanti e desiderabili, nella speranza di rimediare qualche conoscenza biblica.
Tutto normale, nulla da segnalare.

Accade anche che siano profili femminili a bussare alla porta virtuale dei maschietti. In questo caso, sotto un gran paio di tette – o un culo sapientemente sbandierato – appaiono oscuri link che nella migliore delle ipotesi portano a qualche sito porno.
Tutto normale, nulla da segnalare.

Ma…
E se delle graziose fanciulle – prive di appositi link a pagamento – giungono a rendere omaggio a un futuro scritto di fama internazionale?
Che abbiano già saputo e si preparino a una pole position per gruppies?
No, tranquilli, le leggi di natura non sono state sovvertite. Basta avere pazienza e prima o poi ecco comparire qualche immagine dove il grazioso sorriso è affiancato da qualche prodotto.

Nella mia esperienza questo accade soprattutto su Instagram e si può tradurre come un accumulo di contatti (perché ovviamente nessun ometto eliminerebbe mai una graziosa franciulla dalla sua lista di amici) mirato al poter ottenere dei contratti pubblicitari per prodotti di fitness, bellezza e caTzate varie.

A quanto ho scoperto, di questi tempi vanno molto di moda gli scrub al caffè, come testimoniato da queste immagini:

screenshot_2015-11-08-23-29-20-1.png

screenshot_2015-11-14-00-07-08-1.png

screenshot_2015-11-21-12-53-16-1.png

Ora, io non metto in dubbio l’efficacia di codesti trattamenti, ma mi permetto di opinare sulla metodologia pubblicitaria.

La prima fanciulla ci coinvolge sbaciucchiandoci, la seconda guarda con voluttà la sua bustona e la terza ci mette la simpatia di un bel sorriso ma il messaggio che percepisco è sempre il medesimo:

Mai passare alle spalle di un asino diarroico. Bleah.

Stay Tuned.

 

13 & 17

10 dicembre 2015 3 commenti

Siamo abituati a considerare il 13 e il 17 come forieri di sfortuna e basta una semplice ricerca su google per scoprire molte diverse interpretazioni del loro significato e del motivo per cui si siano fatti questa nomea, ma cosa dire di quello che sta nel mezzo?

Già, ma cosa c’è tra il 13 e il 17?
Qualsiasi studente liceale sa – o dovrebbe sapere – che la risposta varia a seconda dell’insieme numerico preso in esame. Se si parla di Numeri Naturali (o quelli Interi) ci saranno il 14, 15 e 16; se invece consideriamo Numeri Razionali, Irrazionali o Reali, la faccenda si complica e i numeri compresi diventano infiniti.

Per quel che mi riguarda entrambe le risposte sono sbagliate. Tra il 13 e il 17 c’è solo il nulla. Tra le tredici e le diciassette, tutto quello che si può trovare sono:

uffucichiuso

Nella pausa pranzo ho trovato un gatto.
Un gatto palesemente domestico, con tanto di collarino e campanello – ma senza nomi o numeri di telefono – che mi è zompato in braccio, tra fusa e festeggiamenti.

Ho provato a chiedere nelle case vicine, ho trovato alcune persone che hanno diffuso la richiesta nei locali dei dintorni, ma nessuno lo aveva mai visto e così, tra google e telefono mi sono messo alla ricerca di qualcuno che potesse occuparsene fino a quando il proprietario si fosse fatto vivo.

Ho passato due ore e mezza tra segreterie telefoniche, numeri inesistenti e chiacchierate infruttuose con persone più o meno gentili per arrivare alle conclusione che dalle 13:00 – orario di chiusura dell’ufficio del chisseloricorda – fino alle 17:00 – orario di inizio della reperibilità del Distretto Veterinario – se hai trovato un gatto a Portogruaro o dintorni… beh, sono cazzi tuoi.

Tra poco dovrebbero chiamarmi e se non lo faranno proverò a richiamare io… nel mentre sarò grato a chiunque sappia darmi qualche informazione riguardo a sifatta bestiUola.

20151210_143356.jpg

Gironzola in Piazza Ippolito Nievo, in quel di Portogruaro, o almeno si trovava lì quando la fine di batterie, credito e traffico dati mi ha fatto tornare in biblioteca.

Stay Tuned.

Q-alità del servizio.

10 dicembre 2015 2 commenti

posta

Voi forse non ci crederete, ma anche noi futuri scrittori di fama internazionale siamo soggetti alla pratica vessatoria dell’invio delle bollette e di conseguenza costretti a pagare i nostri fornitori.
Sorvolando sull’ingiustizia di vilipendere noi artisti con questioni di bassa lega come queste, accade che la posta sia teatro di accadimenti di non scarso interesse. Quest’oggi, per esempio, mentre attendevo di poter regolare le mie pendenze con un malvagio ente triestino, sono stato testimone di una sanguinosa battaglia tra bene e male, impersonati da un impiegato postale e un’anziana signora.

Come propromo di una catastrofe annunciata, l’ingresso della signora è stato in pieno stile Dite^-1 (Dite elevato alla meno uno), quello che in gergo comune viene definito come: “Lasciate ogne speranza voi, ch’io entro!”
Ci ha studiato, ha scrutato il tabellone elettronico dei turni e dopo un breve rituale cabalistico ha fatto scorta di numeri prendendone uno per ogni categoria. FasSstidio!

Plin-Plon. E uno…
Plin-Plon. E due…
Plin-Plon. Ecc’allà, chiamano il numero successivo per i pacchi e lei ci va per pagare la bolletta. FasSsSsSstidio!

– Questo sportello è per il servizio pacchi, signora. Deve andare allo sportello per i pagamenti, biglietto C.
* Oh… mi scusi, mi sono sbagliata. Eh, cose che capitano con l’età. Scusi tanto, me tapina et innocente, innocua et canuta vecchierella. UrcaUrcaTirulero.
– Non c’è problema.
* Grazie giovanotto.
– …
* …
– Signora, deve andare allo sportello per i pagamenti, biglietto C.
* Mi fa rifare la fila?
– Non si preoccupi signora, può usare il biglietto che ha già preso.
* Non potrebbe fare un’eccezione? Daiii, per favore. Nostro Signore le renderà merito se fa del bene ad una vecchierella canuta et innocua, così tapina et innocente. UrcaUrcaTirulero.
– Non posso, mi dispiace.
* Ma la sua collega lo fa sempre.
– La mia collega sbaglia. Buon giorno signora.

La signora sbuffa come il lupo cattivo nel tentativo di abbattere la casa dei porcellini, ma non c’è niente da fare: questa è quella di mattoni. Io ho i lucciconi, mi stringo le mani sul cuoricino e saltello sulle punte, commosso come una debuttante al ballo.

Altro che quelle mezze seghe che vanno a draghi in lucente armatura, quest’uomo ha sconfitto un vero esemplare di Vetusta Saltacode Arrogante dalla Faccia di Palta. Mio eroe…

Stay Tuned.

Tutteologi.

3 dicembre 2015 1 commento

MercatoPortogruaro

A Portrogruaro il giovedì è giorno di mercato.
Questo significa dover parcheggiare un po’ più lontano, essere circondato dalle bancarelle e – ovviamente – immerso in un fottio di persone.
Il tutto è di poco disturbo fino al momento in cui non arriva il momento di fare colazione, perché il locale è affollato quanto la strada e capita spesso che il MIO posto sia già occupato. Niente panico, posso sopravvivere a qualche variazione delle mie prassi, posso sedermi da qualche altra parte e… poffare, duecentoquarantasei stuzzicadenti!
Il problema è che sono al centro della sala, molto distante dalla quiete del MIO angolino e al centro del fitto chiacchiericcio di un sacco di persone. Faccio appena in tempo a chiedermi se i miei boxer vengano da K-Mart ed ecco che arriva la prima bordata delle micidiali chiacchiere da bar!

chiacchieredabar

* La chiesa, i soldi… dio – animale a caso.
– Donazioni, i parroci… animale a caso – dio…i finanziamenti.
° Qualunquismo… madonna – antico mestiere un tempo deprecato, oggi rivalutato e parte integrante di ogni livello della nostra società… UrcaUrcaTirulero.

Il loro blablare è così contorto e confuso che non riesco nemmeno a comprendere se siano favorevoli e contrari a ciò che dicono del binomio chiesa-denaro. Tutto sommato credo che non sia rilevante, perché in ogni basta la forma per dargli torto.
Se sono credenti che sostengono la chiesa, come conciliano fede e bestemmia?
Se non sono credenti, perché non coinvolgono anche unicorni e puffi nelle loro imprecazioni?
Se sono Drac, sono davvero certi che Mickey Mouse sia uno stupido?

Stay Tuned.

 

 

Il Codice della Scherma.

3 dicembre 2015 2 commenti

Scherma.png

Avete mai praticato la scherma tradizionale?
Io no, ma conosco diverse persone che l’hanno fatto e ho avuto modo di farmi spiegare le basi del metodo di insegnamento.
Contrariamente a quanto si può pensare, non si comincia maneggiando armi piccole, ma con una delle più grandi: il bastone a due mani. A parte l’ovvia ragione di sicurezza dovuta alla mancanza di affilatura, la scelta è dovuta alle dimensioni e alla conseguente distanza dello scontro.
Quando ci si picchia con un bastone lungo un metro e ottanta si sta distanti e le parate vengono effettuate a diverse spanne di distanza dal corpo, con tutto lo spazio per frenare il colpo nel caso in cui qualcosa vada storto. Viceversa, se in mano si tiene un pugnale tutto è più vicino e la differenza tra un blocco riuscito e una sgradevole coltellata in faccia è di pochi centimetri.

Qualcuno potrebbe spiegare al popolo italiano che scherma e guida non sono la stessa cosa? Che più l’auto è grande e più abilità bisogna avere per le manovre? Che un incapace alla guida di un gundam da tre tonnellate è un pericolo per tutti quelli che gli stanno intorno?
Perché con le dimensioni dell’auto direttamente proporzionali alla loro inettitudine comincia ad essere difficile schivarli tutti e la volta che mi centrano finisco in galera per omicidio…

Stay Tuned.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: