Archive

Posts Tagged ‘Bookblister’

La verità mi fa male, però…

La blogger (che non è una blogger) e il reato (che non c’è)

Uso il Reblog come dichiarazione d’intenti.
Ho rimuginato sulla cosa e mi sono venute in mente un sacco di cose, ora però non ho il tempo per scrivere una risposta adeguata, provvederò dopo essere rientrato dalla trasferta inglese.

Tramando 2013: tirando le somme…

20 febbraio 2013 7 commenti

Lunedì si è conclusa l’edizione 2013 del concorso “Tramando” promosso dall’Eccellentissima Chiara Beretta Mazzotta a cui, come già detto, ho partecipato con tre racconti.

Grazie a questo concorso mi sono cimentato nella creazione di racconti molto brevi, un’esperienza strana ed utile sia per una miglior gestione della schematizzazione dell’intreccio, sia per la gestione degli spazi di dialogo, descrizioni ed azione. Non è il mio genere, preferisco aver la possibilità di spaziare, ma senza dubbio si tratta di un tipo di esercizio molto utile che credo ripeterò di quando in quando. Ringrazio l’Eccellentissima per avermi portato a questa scoperta e per la squisita cortesia con cui non manca mai di stupirmi.

Per quanto riguarda il risultato del concorso… non mi sono qualificato tra i primi tre classificati e non intendo nascondermi dietro un dito dicendo che la cosa non mi tange, perché mi rode alla grande. Sappiate quindi che sto per perdere un’eccellente occasione per dimostrarmi umile e far buon viso a cattivo gioco, se volete mantenere di me l’opinione eterea e salvifica che, certamente, avete avuto fino a questo momento, vi suggerisco di non andar oltre. Che fate? Continuate a leggere… ah beh, poi non dite che non vi avevo avvertito!

Quando ho deciso di partecipare al concorso l’ho fatto senza grandi aspettative, era una scusa per allontanare il pensiero dal lavoro e scrivere qualche cosa di diverso, l’occasione per cimentarmi in generi differenti; nel momento in cui mi sono trovato a leggere il terzo classificato, pubblicato il 4 febbraio, la mia attitude è cambiata radicalmente. A mio giudizio il racconto è scadente da ogni punto di vista… una lunga descrizione – non particolarmente brillante – senza una vera e propria trama, che finisce in una frasetta da Baci Perugina. Insomma, parafrasando:

– Che merda fotonica! Se questo è il terzo, o sono secondo, o sono primo o è meglio che butti penna e tastiera e mi dia al porn… all’ippica.

Il secondo classificato ha portato una vigorosa sterzata verso il decoro, non è il mio genere ma trovo sia basato su un’idea graziosa, sia scritto in modo gradevole e soprattutto abbia un senso compiuto. Sul primo classificato non mi esprimo, ancora non ho trovato il tempo per leggerlo, mi sono fermato alla prima frase.

Insomma, quando mi sono reso conto che non mi sarei classificato (il che accadeva martedì 12), sono stato incornato da una crisi di fede ed ho ridotto la scrittura fino ad interromperla. Negli ultimi otto giorni ho rimuginato e letto, mi sono chiarito le idee ed atteso che l’egocentrismo arrivasse a darmi una scrollata. Da domani mi rimetterò al lavoro…

Bene, invettiva finita, veniamo alle belle notizie: nei prossimi giorni pubblicherò nel blog i racconti scritti per Tramando…

Stay Tuned.

Accadeva domenica 3 febbraio…

11 febbraio 2013 45 commenti

… elelionerill – nome che prima o poi spiegherò in un post – ha ricevuto il Liebster Award.
A nominarmi per questo premio è stata Iwona, che ringrazio per il pensiero e saluto agitando la manina.  Come ogni premio che si rispetti anche il Liebster Award prevede una breve trafila burocratica che vado di seguito ad enunciare:

1. Elencare 11 cose che mi riguardano;
2. Rispondere alle 11 domande rivolte da chi mi ha nominato;
3. Scrivere 11 domande per le persone che a mia volta intendo nominare;
4. Nominare 11 persone a cui assegnare il medesimo premio.

Ebbene, armatevi di pop-corn & pazienza che andiamo a cominciare.

Le 11 cose che mi riguardano:

1. Sono l’orgoglioso membro dell’enturage di un gatto;
2. non sono vegetariano – e non lo sarò mai – ma mangio prevalentemente verdura;
3. gioco di ruolo da più di vent’anni;
4. mi piace l’odore della nebbia;
5. mi piace la sensazione che dà il camminare nella neve;
6. ho una pessima memoria, la prima volta che sono riuscito a fare a mio fratello gli auguri nel giorno giusto – senza suggerimenti – compiva vent’anni;
7. non appena riuscirò ad organizzare un’adeguata copertura economica intendo partire e mutare la mia condizione di stanziale in quella di erratico;
8. sono agnostico, no.. ateo, no… pastafariano;
9. non mi credono quando dico che sono timido, riservato e vittima del panico da palcoscenico;
10. ho una nutrita collezione di fobie, caratteristica che si mantiene anche in mio fratello e mia sorella;
11. non capisco chi dice di voler scrivere ma manca di idee, il mio problema è che non avrò mai il tempo di scrivere tutto quel che mi viene in mente.

11 risposte per 11 domande:

1. Il cartone animato preferito? – La risposta cambia a seconda del momento in cui mi viene posta la domanda. In questo momento direi Cowboy Bebop.
2. L’ultima battuta che ti ha fatto ridere? – Sto riguardando la prima stagione di House… le ghignate si sprecano.
3. Candele profumate, si o no? – A casa d’altri le sopporto.
4. Quante volte controlli la posta (mail) in un giorno? – Computer acceso e collegato, pagina del browser aperta. Centinaia direi.
5. Calzini con cinque dita, comodi o follia? – Follia.
6. Se disegni la casa dal camino esce il fumo? – Se disegno, muore un papa.
7. L’ultima volta al cinema (quando e cosa)? – Django Unchained, era il 24 gennaio.
8. Come è la tua colazione? – 100 ml di latte e 4 biscotti secchi. In genere i biscotti sono sei e non sono secchi…
9. Usi i segnalibri? – Biglietti dell’autobus, biglietti del treno, pezzi di carta, incarti di caramelle, cartoline… chi ha bisogno di segnalibri?
10. Dormi sulla pancia o sulla schiena? – Sul fianco.
11. Più facile rispondere o fare le domande? – Dipende dall’occasione. In questo caso direi rispondere.

Le mie 11 domande:

1. Hai mai danzato con il diavolo nel pallido plenilunio?
2. Puntuale, ritardatario o Godot?
3. Come si usano le tre conchigliette?
4. Fumetto italiano, americano o giapponese?
5. Facebook o Twitter?
6. La colonna sonora della tua giovinezza?
7. Cosa ti spinge a scrivere?
8. Quale artista ha lasciato un segno nella tua vita?
9. Simpsons, Griffin, Futurama o South Park?
10. Fabio Volo, le 5o sfumature, Twilight, Eragon, Vampire Diares, chi più ne ha, più ne metta… scegline uno e dai del tuo meglio nell’invettiva.
11. Potendo scegliere, quale sarebbe la tua carriera ideale? Quale il luogo (o tempo) in cui vivresti?

Le mie 11 nomine:

1. Bookblister
2. Vita da Editor
3. Dea Silenziosa
4. Sara
5. Le librerie invisibili
6. ToWriteDown
7. La Triquetra
8. La voce nascosta
9. ilnonluogodiemily
10. Perennemente Sloggata
11. Simona Scarioni

Tra i blog che leggo ho cercato di scegliere i più adatti al ad un Liebster Award, di certo ne ho scordato qualcuno…

Ah, ovviamente se qualcuno vuole cimentarsi con le domande (sia quelle che ho risposto che quelle che ho posto), i commenti sono li per quello.

Stay Tuned.

24 ottobre 2012 4 commenti

Posso resistere alla tentazione? No, non posso …

A proposito del Paccozzo dei 10.000 commenti.

6 ottobre 2012 24 commenti

Sapete che l’ho vinto? Si? Bene. No? Come no, l’ho detto all’inizio di questa frase!
Ebbene, mi è stato consegnato di persona da una delegazione di Giramenti giunta a Trieste in pompa magna lo scorso fine settimana. Questo evento è stato anticipato nel post “Appunti di viaggio …” ed è ancora in attesa di un apposito post esplicativo. Forse a questa mancanza provvederò nei prossimi giorni, dipende dall’ispirazione del momento. Per ora volevo confermare il suo arrivo e darvi un piccolo assaggio di quello che mi (e vi aspetta).


Come in precedenza mi sono riproposto di scrivere un commento per ogni libro qui contenuto (l’ho aperto e ci ho trovato alcuni titoli veramente agghiaccianti) chissà, forse anche loro potranno trovare ospitalità tra le pagine di Bookblister.

Stay Tuned

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: