Home > Fatterelli Buffi, La Notizia del Giorno, Tales's tales > Di urgenze impellenti e sviste pericolose.

Di urgenze impellenti e sviste pericolose.

Toilette.jpg

Qualche giorno fa scrivevo:

Non potremo dirci una ‪#‎SocietàCivile‬ fino a quando non verrà istituità la ‪#‎PenaDiMorte‬ per chi non usa lo sciacquone.

Questa mattina andavo di fretta.
Trovare il bagno dei maschi occupato mi ha messo di fronte alla scelta tra usare quello delle femmine o usare quello delle femmine.
Mentre sperimentavo la trascendenza spirituale della minzione a lungo attesa ho sentito lo schiocco della serratura e l’aprirsi della porta accanto. Quello che non avevo sentito era il suono dello sciacquone. Mi sono sentito in dovere di dire la mia.

– Ha dimenticato di tirare l’acqua.
* Non rompere, stronza.

Mi sono irritato? No di certo, nulla poteva intaccare la mia pace interiore.
Ho pigiato il tasto dello sciacquone, aperto la porta e mi sono affacciato sul ragazzino che stava per uscire dall’antibagno.

Kishin.jpg

[immagine di DemonMew]

– Senti merdina, visto che adesso in quel cesso ti ci affogo, fossi in te l’acqua la tirerei.

Incredibile a dirsi, ma la sorpresa di una donna barbuta e visibilmente più grossa di lui lo ha portato a più miti consigli.

Stay Tuned.

 

Annunci
  1. Mih.
    26 maggio 2016 alle 10:55

    La trascendenza spirituale ha strani effetti sulla tua voce. 😃

    • 26 maggio 2016 alle 11:07

      Questo è niente.
      Divento biondo e mi spuntano le ali.

      • Mih.
        26 maggio 2016 alle 12:50

        Uoaaaouuu!
        Questa è maestria d’alta classe. *_*

      • 26 maggio 2016 alle 15:14

        Modestamente.

  2. 26 maggio 2016 alle 14:57

    con tutto il permesso ma tra te e lui, io a quel cesso su trip advisor darei solo una stellina

    • 26 maggio 2016 alle 15:13

      Porello, vittima innocente della malvagità di noi bipedi.
      E’ nuovo nuovo e in genere anche molto pulito.

  3. 27 maggio 2016 alle 00:51

    Mi piace quando fai così ❤

    • 30 maggio 2016 alle 13:44

      Anche a me.
      Un giorno o l’altro mi costerà la condizionale… ma ribilancia il karma, che nemmeno un pellegrinaggio sull’Himalaya.

      • 30 maggio 2016 alle 16:01

        Verrò a portarti le arance *_*

      • 6 giugno 2016 alle 13:32

        E cioccolata?

  4. 30 maggio 2016 alle 10:33

    E poi? Lo hai affogato? Qui mancano i dettagli fondamentali!
    Ma soprattutto, l´immagine è riferita al tuo volto durante la trascendenza spirituale o durante lo svuotamento della vescica?

    P.S.: era parecchio che non venivo, ma i tuoi post son rimasti divertenti come sempre!

    • 30 maggio 2016 alle 13:42

      Ma ciao, che piacere rivederti ^_^
      Grazie mille, mi fa piacere di non aver perso il tocco. ^_*

      Dunque…
      – Poiché si è redento (e l’omicidio è ancora reato) ho evitato di procedere con l’affogamento.
      – L’immagine è la rappresentazione allegorica del mio demone interiore nel momento in cui mi sono affacciato alla porta e ho inquadrato il peccatore. La si potrebbe definire una “Minaccia di morte in technicolor.”

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: