Home > Dillo con una Civetta, Fatterelli Buffi, La Cattiveria del Giorno, Le ruBBriche, Tales's tales > La Cattiveria del Giorno: “Questioni d’orgoglio.”

La Cattiveria del Giorno: “Questioni d’orgoglio.”

La Cattiveria del Giorno

Giovedì, dentista.
Dopo quaranta minuti a bocca aperta, sottoposto al bullismo di una gran varietà di attrezzi, ero così di buon umore che ho pensato di festeggiare con un bicchiere d’acqua fresca.

C’è chi sostiene che ascoltare le conversazioni altrui sia maleducato, per me è diventata deformazione professionale, soprattutto quando chi parla lo fa con atteggiamento messiatico o con toni tali da obbligare all’ascolto chiunque si trovi entro dieci passi da lui.

In questo caso si parlava di nazionalismo, nell’accezione tutt’altro che deprecabile di amor patrio. Della necessità di una presa di coscienza che ci permetta di valorizzare le meraviglie italiane, sia dal punto di vista paesaggistico che da quello storico e artistico. Si discuteva inoltre dell’importanza di ritrovare l’orgoglio nazionale e di quello di cui avremmo bisogno per considerare lo Stato italiano un elemento di aggregazione morale e non un nemico che si adopera in ogni modo per renderci la vita impossibile e derubarci.

Per il tempo necessario a svuotare il bicchiere, mi è sembrato un discorso interessante poi…

[…] tutto parte da lì, dal fatto che non ci sentiamo parte di una nazione, ma piuttosto marionette in balia di un governo. E’ la motivazione che ci manca… quello di cui abbiamo bisogno è l’Italian Pride.

Ridacchio, come si può ridacchiare con mezza lingua ingessata dall’annestesia.
Si gira e mi scruta con riprovazione.
Mi giro a mia volta.

fb_img_1452491662641.jpg

Italian Pride?
Come possiamo essere orgoliosi di essere italiani se per parlarne sentiamo il bisogno di fingerci anglofoni?

Inutile dire che il concionatore non era d’accordo e aveva un’immane matassa d’argomentazioni per supportare la sua tesi. Ma l’acqua era finita e la giornata doveva continuare…

Stay Tuned.

 

Annunci
  1. Mih.
    3 aprile 2016 alle 11:30

    Infilare parole inglesi a cacchio sembra essere il nuovo sport. Sulla pronuncia mi taccio che è meglio.
    Bella la foto 😃

    • 3 aprile 2016 alle 11:49

      Fa un sacco actual e International, perché se non sai essere mainstream il tuo pensiero non sarà mai viral.
      Ne ho poche centinaia… infatti ogni volta scegliere quella giusta è una traGGedia.

      • Mih.
        7 aprile 2016 alle 16:17

        Horribile visu… 😵

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: