Home > La Notizia del Giorno, Tales's tales > Q-alità del servizio.

Q-alità del servizio.

posta

Voi forse non ci crederete, ma anche noi futuri scrittori di fama internazionale siamo soggetti alla pratica vessatoria dell’invio delle bollette e di conseguenza costretti a pagare i nostri fornitori.
Sorvolando sull’ingiustizia di vilipendere noi artisti con questioni di bassa lega come queste, accade che la posta sia teatro di accadimenti di non scarso interesse. Quest’oggi, per esempio, mentre attendevo di poter regolare le mie pendenze con un malvagio ente triestino, sono stato testimone di una sanguinosa battaglia tra bene e male, impersonati da un impiegato postale e un’anziana signora.

Come propromo di una catastrofe annunciata, l’ingresso della signora è stato in pieno stile Dite^-1 (Dite elevato alla meno uno), quello che in gergo comune viene definito come: “Lasciate ogne speranza voi, ch’io entro!”
Ci ha studiato, ha scrutato il tabellone elettronico dei turni e dopo un breve rituale cabalistico ha fatto scorta di numeri prendendone uno per ogni categoria. FasSstidio!

Plin-Plon. E uno…
Plin-Plon. E due…
Plin-Plon. Ecc’allà, chiamano il numero successivo per i pacchi e lei ci va per pagare la bolletta. FasSsSsSstidio!

– Questo sportello è per il servizio pacchi, signora. Deve andare allo sportello per i pagamenti, biglietto C.
* Oh… mi scusi, mi sono sbagliata. Eh, cose che capitano con l’età. Scusi tanto, me tapina et innocente, innocua et canuta vecchierella. UrcaUrcaTirulero.
– Non c’è problema.
* Grazie giovanotto.
– …
* …
– Signora, deve andare allo sportello per i pagamenti, biglietto C.
* Mi fa rifare la fila?
– Non si preoccupi signora, può usare il biglietto che ha già preso.
* Non potrebbe fare un’eccezione? Daiii, per favore. Nostro Signore le renderà merito se fa del bene ad una vecchierella canuta et innocua, così tapina et innocente. UrcaUrcaTirulero.
– Non posso, mi dispiace.
* Ma la sua collega lo fa sempre.
– La mia collega sbaglia. Buon giorno signora.

La signora sbuffa come il lupo cattivo nel tentativo di abbattere la casa dei porcellini, ma non c’è niente da fare: questa è quella di mattoni. Io ho i lucciconi, mi stringo le mani sul cuoricino e saltello sulle punte, commosso come una debuttante al ballo.

Altro che quelle mezze seghe che vanno a draghi in lucente armatura, quest’uomo ha sconfitto un vero esemplare di Vetusta Saltacode Arrogante dalla Faccia di Palta. Mio eroe…

Stay Tuned.

Annunci
  1. 10 dicembre 2015 alle 14:37

    Anche mio! Anche mio!
    *Lacrimuccia di commozione*

  1. 26 marzo 2016 alle 19:48

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: