Home > Fatterelli Buffi, Tales's tales > Uomo morto che pedala.

Uomo morto che pedala.

Gli americani si riferiscono ai condannati a morte come “dead man walking” – uomo morto che cammina – una gioviale usanza nata dall’ultima passeggiata che i condannati fanno dalla loro cella fino alla stanza dell’esecuzione.

In Italia dovremmo codificare la categodia di ciclisti degli uomini morti che pedalano, per raccogliere tutti i casi clinici che fanno della strada il loro tentativo di vincere il premio Darwin.

Ciclista Pazzo
Le strade, si sa, sono luoghi pericolosi che brulicano di autisti incompetenti, perfetti idioti e aspiranti criminali e spesso a farne le spese sono quelli privi di un solido abitacolo in grado di trasformare impatti fatali in contusioni e danni alla carrozzeria. Ciclicamente – ironia delle parole – i notiziari riportano notizia di ciclisti falciati da pirati della strada o morti per fatali scherzi del destino, ma non sempre sono loro le vittime.

Parafrasando Ramòn Rojo: “Quando un uomo con l’automobile incontra un uomo con la bicicletta, l’uomo con la bicicletta è un uomo morto.” ed è facile farsi ingannare dall’equazione morto = vittima. Spesso i ciclisti – patentati o meno che siano – si prendo delle libertà criminali, reinterpretando il codice della strada, dimenticandosi che loro sono veicoli a trazione animale e devono sottostare alle stesse regole di tutti gli altri.

Cambiano corsia senza segnalarlo, sorpassano a destra, tagliano la strada in curva, ballonzolano qui e lì nella corsia, non usano le piste ciclabili, non rispettano gli stop, passano con il rosso… ed è stato proprio questo il peccato dell’ultimo che ha cercato di farsi uccidere dal sottoscritto.

Ero fermo al rosso di un semaforo, per immettermi in una statale e quando è scattato il verde ho iniziato la manovra. Siccome è una strada trafficata e non è raro che qualche pirla passi con il rosso, ho l’abitudine di fare parecchia attenzione a chi viene da destra ed è solo per questo che il ciclista può ancora pedalare. Non ha fatto nemmeno finta di rallentare: ha superato sulla sinistra le macchine in coda ed è passato. Non si è nemmeno tenuto sul margine destro della strada, era bene al centro, proprio dove avrebbe dovuto essere il muso della mia auto se non avessi frenato.

Odio laGGente.

Stay Tuned.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: