Home > La Notizia del Giorno, Scrittura, Tales's tales > Non c’è due senza tre…

Non c’è due senza tre…

Oggi è stata una giornata… strana.
Avrei dovuto capirlo fin dal risveglio, ho perto gli occhi dieci minuti prima del suonare della sveglia, una cosa che detesto nel modo più assoluto. Troppo pochi perché abbia senso girarsi dall’altra parte, ma abbastanza per sentirne la mancanza.

Oh beh, poco male, recupero armi e bagagli e parto al trotto. Prima dalla Cara Nonnina, poi in palestra. Arrivo ad un minuto dall’apertura, mi cambio, entro in sala pesi e… un simpatico omino ha appena occupato la panca e da come sta sistemandosi pare che si tratti di una cosa lunga.
Non c’è problema, basterà cambiare l’ordine degli esercizi, sposto la panca in fondo. Non avevo considerato la differenza tra essere freschi ed affaticati… all’ultima serie mi sento come un bacherozzo che cerchi di fermare il calare di uno stivale. Ouch!
E uno.

Uscito dalla palestra trovo ad attendermi un’anteriore destra che ha l’aspetto di un’Eleonora Duse privata della tenda portante. Nei miei programmi c’era una visita dal verduraio, allungherò il tragitto di poche decine di chilometri e cercherò consiglio dal gommista.
Il suo verdetto? La ruota è bucata. Il colpevole? Eccovi la sua foto segnaletica:AssassinaGommeUn chiodino sottile sottile che con tanta pazienza si è scavato una tana nel mio pneumatico. E’ stato così solerte che all’esterno non ne rimaneva più nulla e per estrarlo è stato necessario togliere il cerchio.
E due.

Torno a casa, pranzo (mi accorgo che la mia buonissima ricotta, comperata mercoledì, sta prendendo uno sgradevole sentore acidulo) ed affronto la pioggia per una seconda volta, diretto in biblioteca, dove ho appuntamento con un Valente Revisore. La biblioteca è chiusa – causa festa del patrono -, i bar nei dintorni sono chiusi – causa stagione – e quando siamo in prossimità di un locale aperto ci accorgiamo che nessuno dei due ha il becco d’un quattrino.
Non c’è soluzione, bisognerà tornare a casa.
E tre.

… ed il quattro vien da sé.

Già, perché mica è finita.
Torno a casa, mi infilo nel parcheggio sotterraneo e mentre sto parcheggiando sento un buffo suono provenire dal sedile del passeggero. Non me ne curo, ho una manovra da completare ed un pilastro di cemento che non ho intenzione di inglobare nel cofano.
Spegno tutto, scendo e… mi rendo conto che il buffo suono era quello delle chiavi che cadevano sotto il sedile. Risultato? Sono chiuso in garage senza le chiavi di casa e nemmeno quelle del garage. Pochi minuti di lavoro, alcune manovre degne del circo equestre (o di Mr. Fantastic), un gioioso insieme di escoriazioni e grasso sulle mani, le chiavi sono recuperate e sono libero.
E quattro.

Oh beh… nonostante tutto è finita ed ho pronta la bozza della sinossi.

Stay Tuned.

Annunci
  1. 1 febbraio 2014 alle 10:57

    Cliccando, mi piace, veramente mi dispiace di cotanta sfiga!!
    In compenso oggi non potrà che andare meglio. Good luck

    • 1 febbraio 2014 alle 12:17

      Grazie mille. ^_^
      In fin dei conti – e nonostante le sorprese spigolose – ieri è stata una buona giornata, ma non mi lamenterei di certo se oggi fosse migliore.

  2. 1 febbraio 2014 alle 13:54

    Ah ah, povero! Il meglio è arrivato con la chiave, è proprio vero il detto dulcis in fundo!

    • 1 febbraio 2014 alle 14:06

      Sì guarda, quando ho realizzato cosa fosse successo sono stato colto dall’impulso di prendere a testate un pilastro.
      Prigioniero in garage, con il cellulare che ha linea solo quando gli pare – e difficilmente con il cattivo tempo – ed il pensiero di quanto avrei dovuto aspettare prima che arrivasse qualche altro condomino.
      ‘na traGGedia.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: