Home > Fenomenologia Umana, Tales's tales > Madri moderne…

Madri moderne…

Viale XX Settembre[Viale XX Settembre, foto di repertorio del 26 giugno 2012]

Me ne andavo bel bello in quel del Viale XX Settembre e mi godevo un po’ di sole dopo la pioggia torrenziale del giorno precedente – non fatevi ingannare dall’immagine, nel febbraio 2013 la giornata non era male, ma di certo non era così soleggiata – quando mi sono trovato ad incrociare una fascinosa pulzella. Il mio primo pensiero?

Anvedi che gnocca!

Il secondo?

Però, che faccia da stronza…

Che ne dite? Sono o non sono l’incarnazione dell’archetipo del principe azzurro? Elegante, romantico, financo poetico. Ecco, lei era l’incarnazione dell’archetipo della bellastronza: tacco alto, vestitino, passo deciso, espressione impettita, intorno ai trenta… pronta per saltare in una puntata di Sex and the city. Quando tutto sembrava ormai definito, ecco il colpo di scena sotto forma di una bimbetta sgambettante che si sforzava di tenere il passo della fatalona. Il terzo pensiero?

Anvedi che MILF!

Seguito d’appresso da una considerazione accessoria.

Però, che stronza a lasciare la bambina indietro… fosse un chihuahua lo terrebbe in braccio.

Sì, lo ammetto, era la giornata degli stereotipi. Però provate ad immaginare questa stangona che si lascia alle spalle una bambina di non più di cinque o sei anni… lei davanti a sculettare con falcate da due metri e l’altra dietro ad arrancare senza mai riuscire a raggiungerla. A me non è parsa una cosa carina, a voi sì? Se già vi siete indignati vi consiglio di interrompere la lettura, perché il bello deve ancora arrivare.

Colta da un qualche pensiero – forse dalla memoria atavica di aver procreato – la MILF si è gettata un’occhiata distratta alle spalle, ha visto la bambina indietro di una mezza dozzina di passi e… si è fermata. Commosso fin nell’intimo da un tale amore materno avevo quasi deciso di ritirare la mia denuncia per abbandono di minori quando lei ha rovinato tutto. Con un tono QuerulAcidIndisponente ha ripreso la bambina:

“Hai la bronchite ed esci senza neanche metterti la sciarpa? Chiudi il giubbotto almeno…”

L’ha abbrancata per il bavero, se l’è tirata davanti ed ha armeggiato con il giubbotto chiudendoglielo fin sotto al naso. Poi, con il contegno di una regina al termine della cerimonia d’incoronazione, ha ripreso la marcia e se l’è trascinata dietro.

Nell’assistere alla scena sono stato colto da alcuni dubbi, forse voi potrete aiutarmi a risolverli:

1. Se esci a passeggiare con una bambina, come puoi lasciarla indietro con tale menefreghismo? Forse che temi in un danneggiamento della tua immagine di figacciona se non tieni un ritmo di passo abbastanza sostenuto per far ondeggiare il culo?
2. Se esci a passeggiare in una giornata fredda e ventosa – per quanto soleggiata – perché porti con te una bambina con la bronchite? Forse che ti seccava di non poter sfoggiare il tacco su e giù per il viale?
3. Se esci a passeggiare con una bambina – soprattutto se malata – come puoi non accertarti che sia vestita in modo adeguato? Forse che eri troppo occupata a controllare come cadeva l’abitino per dedicarle i cinque secondi necessari?

E poi ci si lamenta se non appena si avvicinano all’adolescenza i giovani virgulti sfanculano la madre? In un caso come questo non si tratta di maleducazione, è istinto di sopravvivenza sapientemente miscelato con giusta vendetta. Il mio ultimo pensiero a riguardo della fascinosa pulzella…

Da MILF (Mother I‘d Like to Fuck) a MILK (Mother I‘d Like to Kick).

Stay Tuned.

Annunci
  1. Sara M.
    6 febbraio 2013 alle 23:00

    Che tristezza. Non ho parole. Poera piccina.

  2. 7 febbraio 2013 alle 03:40

    A parte la femminile atavica antipatia che il tuo racconto mi ha subito suscitato per questa tizia, e la solidarietà verso la povera bimba; e a parte che i tuoi 3 dubbi si son già risposti da soli, e la risposta è esatta in tutti e tre i casi (secondo me, ma ci sono anche ipotesi peggiori e più cattive)!
    Una domanda: a febbraio questa portava solo un abitino e i tacchi? 😯

    • 7 febbraio 2013 alle 07:45

      Aveva anche delle calze e sopra l’abitino un cappotto piumoso che la copriva dalla vita (non più in basso altrimenti avrebbe coperto il culo) e saliva bello fasciante in modo da evidenziare pancia piatta e seno. Una professionista dell’esaltazione delle sue forme, non c’è che dire… era il lato materno a lasciare a desiderare.

  3. 7 febbraio 2013 alle 12:01

    direi che a me l’ormone scendeva anche senza avere visto la bimbetta dietro (chissà come crescerà sta bimba…). Sì per carità “una gnocca” bella da vedere, ma non è mica d’oro al sua eh…fa le puzzette e i rutti pure lei, ergo, si può vivere benissimo anche tirandosela di meno, la sensualità di una donna non è data da quanto riesce a scodinzolare 😀

    • 7 febbraio 2013 alle 13:23

      Credo dipenda da una diversa profondità di esame. Valutare una donna è un po’ come l’alta cucina dove è l’insieme di presentazione, aroma, colore e sapore a fare l’insieme ed a definirne il valore… quando si parla di gnocca è come il cioccolato: lo scarti e via.

      • 7 febbraio 2013 alle 13:49

        la metafora del cioccolato mi piace…e considerando che non mi piace il cioccolato calza a pennello 😀
        Lo so sono strana eheh

      • 7 febbraio 2013 alle 13:50

        O_O non ti piace il cioccolato? O_O

      • 7 febbraio 2013 alle 13:52

        eh…già..nemmeno la nutella!
        Solo quello bianco e…a piccole dosi 😀

      • 7 febbraio 2013 alle 13:55

        Per la nutella non vado pazzo nemmeno io. Mi piace, ma ci sono molte altre cioccolate che mi piacciono molto di più. Però… dire che non mi piace… è un po’ troppo.

  4. 7 febbraio 2013 alle 12:17

    Sono le storie tristi..ma sono attenta a non giudicare dalle apparenze..

    • 7 febbraio 2013 alle 13:24

      Visto che nella maggior parte dei casi l’apparenza è l’unica cosa che si ha a disposizione e che “a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca quasi sempre” ho elaborato una filosofia per cui mi concedo il giudizio ma, nello stesso tempo, resto aperto ad ogni cambiamento di idea se ottengo nuove informazioni.

  5. 10 febbraio 2013 alle 14:33

    Ritengo che la povera bimba fosse la figlia dell’uomo maturo e schifosamente ricco che la MILK ha sposato. E non e’ per allacciarmi agli stereotipi, e’ che mi spaventa l’idea di un futuro alla “Idiocracy” !

    • 10 febbraio 2013 alle 16:13

      Non ho ancora visto il film (provvederò a cercarlo in streaming) ma capisco cosa intendi. Beh, a dire il vero rientrerebbe abbastanza bene nella mia idea di estinzione della razza umana.
      Insomma, di qualche morte dobbiamo pur morire e la stupidità mi sembra un male molto meno curabile di qualsiasi pestilenza *_*

    • 10 febbraio 2013 alle 18:45

      L’ho pensato anche io, ma mi sembrava di essere troppo cinica. Mi consolo pensando di non essere l’unica, quanto meno!

      • 10 febbraio 2013 alle 18:50

        Se si parla di cinismo, in questo blog non si sarà MAI soli. ^_*

  6. 20 febbraio 2013 alle 09:29

    1. e poi piangono fintodisperato se gliele rapiscono? ma vaffancuore!
    2. a prescindere, perché porti fuori una persona con la bronchite??
    3. appunto e soprattutto come puoi scaricare la responsabilità su una bimba??
    che nerrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrvi

    • 20 febbraio 2013 alle 11:00

      Eh già…
      Sveglia uno strano desiderio di violenza.

      • 20 febbraio 2013 alle 11:36

        violenza? semmai di risveglio dal suo torpore… grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

      • 20 febbraio 2013 alle 11:37

        Hahahah.
        La tua violenza che risveglia lei dal suo torpore.

      • 20 febbraio 2013 alle 12:08

        io sono pacifista.

        … cioè, no, sono guerrafondaia.
        come siamo messi a commenti?

      • 20 febbraio 2013 alle 12:12

        Una pacifista guerrafondaia… interessante.
        Ne mancano poco più di cento.

      • 20 febbraio 2013 alle 12:44

        ottimo!! devo vincereeeeeeeeeeeeeeeeeeee

      • 20 febbraio 2013 alle 12:49

        Buon lavoro ^_*

      • 20 febbraio 2013 alle 14:12

        grazie grazie 😀

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: