Home > Lettura, Recensioni > Commento: L’Ala della notte.

Commento: L’Ala della notte.

ala-della-notte
Vi ricordate di questo libro?
L’ho ricevuto in regalo i primi di ottobre da Grazia, l’autrice di ToWriteDown. Per chi si fosse perso il lieto evento o avesse bisogno di rinfrescarsi la memoria, consiglio la lettura di questo post.
Ho finito di leggerlo pochi minuti fa e, dopo l’immane sforzo di volontà necessario all’abbandonare il morbido abbraccio del divano, eccomi qui per potervi rendere partecipi delle mie impressioni a riguardo.

Titolo: L’Ala della Notte (Inglese: Night Wings)
Autore: Martin Cruz Smith
Traduzione: Nicoletta Lamberti
Editore: Mondadori (Il Giallo Mondadori)
Genere: Thriller
Pagine: 250

Per prima cosa non fatevi ingannare dalla Mondadori: non si tratta di un giallo.
Sebbene le primissime pagine possano essere considerate avere un’impronta simile a quella del giallo, la narrazione cambia  presto direzione e si concentra su aspetti ben diversi.

La strana morte di un vecchio stregone indiano dà il via alle indagini del Vicesceriffo Duran, appartenente della tribù degli Hopi, privo di ogni legame con le tradizioni e le credenze del proprio popolo.
Nel seguire il protagonista verso il suo percorso di analisi ed indagine, il lettore diviene spettatore delle dinamiche di vita delle nazioni indiane del Deserto Dipinto, attraverso un intreccio di cultura e politica indiana, di interessi economici, di misticismo e, ovviamente, di deserto.

L’autore è uno che con le parole ci sa fare e, con poche pennellate, è capace di delineare l’aspetto ed il carattere di un personaggio, o di ritrarre uno  dei vasti panorami in cui la storia è ambientata. Nell’unire questi ritratti si ottiene un quadro generale molto vivido, pervaso da un lontano romanticismo poetico che non gli fa però mai perdere in concretezza.

La storia, probabilmente a causa dei suoi trentacinque anni d’età, mi ha lasciato in bocca un sapore di già visto ed in alcuni tratti mi è sembrata perdere di ritmo. I personaggi, pur così ben caratterizzati, mi sono scivolati addosso senza riuscire a far veramente presa ed a differenza di quanto mi accade di solito, nessuno di loro è riuscito a suscitare simpatie od antipatie.

Giunto alla fine mi sono trovato nella strana situazione di aver apprezzato la capacità dell’autore, senza però essere mai stato realmente catturato dalla storia che stavo leggendo. Nell’interrogarmi su questa ambiguità sono giunto alla conclusione che possa trattarsi di una mia scarsa affinità con l’argomento trattato, quindi ho deciso di cercare qualche altro libro di Smith per aver occasione di un nuovo confronto con lui.

Stay Tuned.

Annunci
  1. 8 dicembre 2012 alle 18:16

    Il suo romanzo più famoso è Gorky Park, ambientato nella Mosca dell’ex URSS, in piena guerra fredda. Il suo personaggio capolavoro è il detective Arkadij Renko: lo si incontra per la prima volta in Gorky Park e poi lo si ritrova in diversi altri romanzi.

    A me Arkadij Renko piace tantissimo: è il precursore, il modello diciamo, di diversi ispettori coraggiosi e interessati alla verità e al bene comune sopra tutto. Sono convinta che l’ispettore Xavier March, protagonista di Fatherland di Robert Harris debba molto al buon Renko.

    Ho pensato a te per questo libro per il misto giallo iniziale, vampiri finali 🙂

    Sono in lettura….

    • 8 dicembre 2012 alle 18:45

      Gorky Park è un nome che non mi è nuovo, devo averlo letto nella biblioteca di casa, dovrò andare a curiosare per vedere se ne trovo una copia.

  2. 8 dicembre 2012 alle 18:18

    Mi sono scordata un passaggio legame: l’ispettore dell’Ala della notte è la base su cui poi è stato costruito il personaggio di Gorky Park. Ho sempre pensato che l’Ala sia una specie di prova generale per un romanzo più completo.

    • 8 dicembre 2012 alle 18:47

      Questo potrebbe spiegare la sensazione di incompletezza.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: