Home > Domande > Cosa ne pensate?

Cosa ne pensate?

Si parla di Giovanni “Rottamatore” Allevi, il famigerato pianista.
Voi cosa ne pensate di questo articolo ANSA.IT?
E’ una celebrazione del suo “genio” artistico o un’ironica presa per i fondelli?

Stay Tuned.

Annunci
  1. 29 ottobre 2012 alle 17:34

    ma allevi, dicono che sia un puro prodotto di marketing e che alcune cose dichiarate prima della sua fama (concerti a niu iork ecc) siano state inventate di sana pianta.

    • 29 ottobre 2012 alle 17:35

      Già, tra le altre.
      Io attendo con pazienza un commento … ^_*

      • 29 ottobre 2012 alle 17:36

        io ho commentato 😀

      • 29 ottobre 2012 alle 17:41

        Oui, ma tu sei stata quieta e moderata.
        Se l’esca funzionerà vedrai che commento esplosivo che ne verrà fuori ^_*

    • 29 ottobre 2012 alle 21:55

      Ecco, ora puoi vedere cosa intendevo dire con: “attendo con pazienza un commento” ^_*

  2. Alessandro
    29 ottobre 2012 alle 20:59

    Ma tu mi vuoi male… Io ormai ho una certa età, e spererei di vivere il più serenamente possibile.
    Una volta ero più combattivo, ora mi sono reso conto che il Parruccone non merita lo spreco del mio tempo e delle mie energie, quindi sarò il più breve possibile.
    La notizia ANSA che riporti è assolutamente in linea con il sensazionalismo di moda oggi. Allevi non rottama proprio nulla, è solo aria fritta.
    Come ben dice Perennemente Sloggata, Allevi è un prodotto costruito a tavolino e montato da un grosso ufficio stampa alle sue spalle. Tutti i concerti alla Carnegie Hall, oppure al prestigioso Blue Note (il tempio del jazz newyorkese) sono stati a pagamento. Negli Stati Uniti funziona così, se pago posso andare anche io a suonare alla Carnegie Hall (in realtà Allevi ha suonato non nella sala principale, ma nella equivalente dei “ridotti” dei nostri teatri lirici, la Weill Recital Hall); per quanto riguarda i concerti a Londra, siccome i biglietti erano quasi tutti invenduti, li davano gratis per le strade per chiamare gente.
    Dal punto di vista musicale sarebbe ingiusto dire che Allevi sia uno zero. In realtà ha un abbastanza decoroso stile a metà tra il minimal e il neo-romantico, insomma scrive canzoni per pianoforte, e ora pure per orchestra (queste sì, scritte male). Dopo le critiche da parte di ambienti accademici si è pure cimentato con qualche forma tradizionale (la sonata, il genere concertante, il concerto solista), senza però avere un reale confronto con cosa sono diventati questi generi oggi, e sui problemi del linguaggio musicale odierno (lui che vorrebbe rinnovarlo).
    Come esecutore è un modesto strumentista, lo si ascolti quando non suona le sue musiche, ad esempio la trascrizione di Franz Liszt della morte d’Isotta dal “Tristano e Isotta” di Wagner (http://www.youtube.com/watch?v=p2F3Zsp5CdQ), imbarazzante: senza fraseggio, legato, gusto, chiarezza nell’articolazione, etc, etc, etc… (inoltre esegue pure le semplificazioni, gli “oppure”, non la parte originale di Liszt).

    Gli aspetti fastidiosi del fenomeno sono molti:
    1) La “tronfiaggine” e gli sproloqui molto, troppo postmoderni del Parruccone, stereotipo del ragazzo con la testa tra le nuvole e del genio strambo (Allevi è del ’70, ha 42 anni).
    2) La confusione che si fa con le parole: che cosa significa “musica classica” (nulla, molto meglio sarebbe usare il termine “forte”, come consiglia Quirino Principe)? Allevi fa musica classica, oppure è pop spacciato per altro? E anche se facesse musica classica, è veramente innovativo, oppure si vende per tale? Usando uno stile facilone e orecchiabile, e decisamente furbo?
    3) Il problema più grosso: l’ignoranza musicale dell’italiano medio. Se ci fosse un minimo di alfabetizzazione musicale di base molti prenderebbero a pedate questo cialtrone.
    Parentesi storica: questa mancanza è frutto della sconsiderata politica antimusicale dei nostri governi fino dagli albori dell’unità d’Italia (celebre la frase di Francesco De Sanctis, primo Ministro della pubblica istruzione:” basta con le discipline per educande, BASTA CON LA MUSICA!”), e della cultura italiana in genere (anche Croce, Gramsci e Gentile hanno totalmente sottostimato la musica), di tradizione hegeliana o neo-hegeliana. Noi abbiamo avuto anche l’unico partito comunista che non ha sostenuto la musica (Gramsci non fu marxista ortodosso, ma essenzialmente un gentiliano alla rovescia). Non ultima la presenza delle Chiesa cattolica, assolutamente mortifera, che nel recente passato ha dato il colpo di grazia alla musica, al latino, e di conseguenza anche al greco (tanto per puntualizzare: Hobbes nel suo “Leviatano” consigliava al monarca assoluto di non fare studiare il greco e il latino, i classici, tutte attività che fanno usare il cervello, quindi sovversive).
    4) L’evidente frattura che si è creata tra pubblico e vere sperimentazioni musicali, molto più attente al lato astratto, spesso ideologico (basti ricordare Nono e Pollini che andavano in giro per le fabbriche a suonare musiche per pianoforte e nastro magnetico, perché la musica d’arte deve essere proletaria) e dimentiche totalmente di quella che Hofmannsthal (poeta austriaco), e con di lui Furtwängler (sommo direttore d’orchestra), chiamavano Gemeinschaft, cioè il rapporto organico e vivente con il pubblico, il senso forte e originario della comunità, l’arte come manifestazione dello spirito di un popolo.

    In questo buco di astrazioni, ignoranza e cecità nella pianificazione della didattica musicale si inserisce il fenomeno Allevi e la fumosità che lo contraddistingue.

    • 29 ottobre 2012 alle 21:10

      Capito cosa intendevo?

      • 29 ottobre 2012 alle 23:07

        capito sì! mi inquino ai vostri piedi, con devozione.

    • 29 ottobre 2012 alle 21:55

      Ti adoro, sul serio! Come le dici tu le cose, scorrono che è una meraviglia.
      Solo, per piacere, ricordati che la tua è proprio un’invettiva *_*

      • 29 ottobre 2012 alle 21:56

        Hahahahaha!

      • Alessandro
        29 ottobre 2012 alle 22:05

        Ma dai, non è proprio un’invettiva, è una disamina critica. Anzi, mi sono molto trattenuto, gli ho dato del cialtrone solo una volta.

      • 29 ottobre 2012 alle 22:08

        “Disamina critica” si, mi piace.

  3. Mihaela
    29 ottobre 2012 alle 21:25

    Ok.
    Alessandro sei impegnato nel prossimo futuro?

    😀

    • 29 ottobre 2012 alle 21:35

      Hahahaha!

    • Alessandro
      29 ottobre 2012 alle 22:40

      Ahahahahah, no, in questo periodo sono abbastanza libero 😛 Tale’s Teller è un po’ un disgraziato, è andato a toccare consapevolmente un argomento dove sono sensibile. Non potevo non rispondere argomentando.

      • 29 ottobre 2012 alle 22:44

        “un po’ disgraziato” che caro.

      • Mihaela
        29 ottobre 2012 alle 22:49

        Affare fatto. 😉
        Argometa pure, non c’è problema.

  4. 29 ottobre 2012 alle 21:26

    E io che non sapevo neanche chi fosse Allevi. Sì intendo dire, ogni tanto vedo il cartellone di un suo concerto, ma poco mi interessa. A mio marito invece piace un tale che si chiama Ludovico Einaudi: abbiamo una bio su di lui? No perché così mi diverto anche io.
    Invece tu ti sei ripreso?
    Baci
    G.

    • 29 ottobre 2012 alle 21:34

      Io riconfermo la mia ignoranza in merito, non ho idea di chi sia Ludovico Einaudi.
      Ripreso è una parola un po’ forte … diciamo che sto un po’ meglio di ieri. Continuo a tossire (ed ogni colpo di tosse è una pugnalata alla gola) avere difficoltà a deglutire e tutta la serie di annessi e connessi (ma quasi senza febbre).

      Baci baci.

      • 29 ottobre 2012 alle 21:42

        A questo punto su Einaudi attendiamo un commento da Alessandro 🙂
        Tu riguardati!

      • 29 ottobre 2012 alle 21:45

        Oui, attendiamo che il nostro esperto si esprima.
        Io sto vegetando in casa ricoperto di numerosi strati di pile. Una vera piaga o.o
        Tu? Risolto del tutto con la febbre?

    • Alessandro
      29 ottobre 2012 alle 22:20

      Non ho molto da dire su Einaudi. Fa un genere di musica simile a quello di Allevi (minimalista), ma è molto più onesto e tranquillo. Non rompe le scatole in giro.

  5. 29 ottobre 2012 alle 21:48

    Purtroppo sì, me ne sarei stata sotto le coperte anche oggi!

    • 29 ottobre 2012 alle 21:50

      Hahahah. Guarda, avrei fatto a cambio volentieri.
      Tu a letto con la febbricina ed io sano e salvo in giro per biblioteca e palestra.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: