Home > Il Primo Re, Scrittura, Speculazioni > Le gioie della trasferta

Le gioie della trasferta

Ieri e l’altro ieri sono stato fuori sede; per giovedì la giornata era completamente impegnata, mentre il venerdì prevedeva un appuntamento verso l’ora di cena e per il resto offriva la più totale libertà d’azione.
Avendo ormai sviluppato una sorta di malsana simbiosi con il mio Netbook, avevo a mia disposizione tutto il necessario per impiegare il venerdì a scrivere; benchè mi sia già capitato molto spesso di scrivere fuori porta (cerco di dedicare alla scrittura ogni minimo ritaglio di tempo), è stata la prima volta in cui l’ho fatto per un  giornata (mattina e pomeriggio).

Pur tenendo conto della fortuna che ho avuto nel trovare un posto eccezionalmente tranquillo, devo dire che i risultati sono stati veramente eccezionali. Grazie soprattutto all’assenza della miriade di distrazioni che possono derivare dalla connessione ed internet, la giornata è passata in uno schiocco di dita, e le parole sono volate l’una di seguito all’altra come se fosse la cosa più naturale del mondo. Sebbene sia più che convinto che la quantità e la qualità siano due fattori assai distinti, non potendo valutare la qualità in modo soggettivo, uso la quantità come pietra di paragone: ieri, senza alcuna difficoltà, ho replicato un record di quantità che in passato ho raggiunto in una sola occasione, in un’intera giornata (mattina, pomeriggio e sera) di fatiche.

Come idea primavera/estate, torna in auge l’ipotesi di rifugiarmi a scrivere al fresco, tra le ombre di qualche bosco alpino.

Stay Tuned

Annunci
  1. 1 marzo 2012 alle 23:39

    Una intera mattinata ed un intero pomeriggio sono un sogno…se poi manca la connessione davvero le parole si affastellano l’una sull’altra. Vai in trasferta più spesso!

  2. 2 marzo 2012 alle 01:26

    Oh si, senza dubbio alcuno. Infatti me li sono proprio goduti fino in fondo.
    Per ora, tra lavoro e faccende di casa, non so quanto spesso mi sarà possibile prendermi il tempo per delle trasferte. Ma fa già parte dei miei piani, per la primavera e soprattutto per l’estate, l’espatrio verso l’aria fresca delle montagne. Fuga da casa, dall’afa, dalla connessione ad internet ed un tuffo nella quiete e nel silenzio dei boschi. Per tutta la durata della batteria del Netbook.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: